Loading...

Translate

lunedì 13 gennaio 2014

Il Segreto anticipazioni dal 13 al 17 gennaio 2013

Lunedì - Juan vive nell’angoscia a causa dei suoi debiti di gioco e cerca Severiano per avere un aiuto, ma il giovane ha ormai lasciato il paese ed Emilia se la prende con Raimundo e Sebastian.
La famiglia del sindaco è in fermento, perché pare che Pedro sia in procinto di diventare governatore, ma non è tutto oro ciò che luccica. Donna Francisca ha un duro scontro con Olmo Mesia, che ormai non nasconde più le sue brutte intenzioni, senza però spiegarne i motivi. Intanto Pepa è sempre più ossessionata dalla morte di Martin e decide di provare una miscela più potente di funghi allucinogeni per entrare in contatto con lui. Ma il baratro è vicino.
Martedì - Pedro convince Dolores a trasferirsi alle Isole Chafarinas, dove lui verrà nominato governatore e dove potranno entrambi condurre una vita da signori. I due cercano di convincere anche Hipolito a seguirli, ma è una battaglia persa. Tra Olmo e Soledad pare stia nascendo una simpatia, ma lei ha un atteggiamento da preziosa. Pepa tenta quasi il suicidio sotto l’effetto del fungo allucinogeno. Ritrova poi la sua vecchia amica Flora che si occupa di lei. Tra Pepa e Tristan è una discussione continua. Lei è sempre più convinta che tra il fidanzato e la dottoressa Gregoria ci sia qualcosa. Juan si è messo in un grosso pasticcio con un usuraio a cui deve dei soldi. Intanto Severiano è scomparso dalla circolazione. Emilia vive nella costante ansia e preoccupazione: non si dà pace per la scomparsa di Severiano ed è molto preoccupata per lo stato di salute e mentale di Pepa. Il conservificio rischia di chiudere, ma Sebastian è deciso a far funzionare le cose.
Mercoledì - Pedro non riesce a trovare un successore per la carica di sindaco, ma Dolores ha in mente il candidato perfetto. Nonostante lo scontro con Donna Francisca, Olmo sembra sensibile al fascino di Soledad, che accetta la corte dell’uomo per scoprire le sue vere intenzioni. Pepa è furiosa per l’inganno di donna Francisca e Matilde, ma Flora la convince ad agire freddamente per ottenere le prove necessarie. Matilde accetta di procurargliele in quanto terrorizzata da una presunta maledizione da parte della levatrice, ma forse dovrebbe temere ben altro…
Giovedì - Matilde viene trovata morta fuori dalla stanza di Pepa. I sospetti cadono sulla ragazza, ma la testimonianza di Raimundo sembra scagionarla, così come il referto dell’autopsia che indica in un avvelenamento da funghi (ritrovati nella borsa della morta) la causa del decesso. Pepa tuttavia è convinta che si tratti di un omicidio consumato da Donna Francisca, per impedire a Matilde di consegnarle la lettera in cui la incarica di farla ammattire. Olmo inizia a provare dei sentimenti per Soledad e lo confessa ad Agueda, ma quest’ultima vieta all’uomo di continuare la relazione perchè potrebbe essere di ostacolo agli interessi in gioco. Juan, ancora innamorato di Soledad, soffre per averla vista in compagnia di Olmo. Emilia soffre invece per l’abbandono di Severiano. Tuttavia Alfonso scopre che l’uomo è in realtà un don Giovanni e vorrebbe rivelarlo ad Emilia, ma Raimundo lo ferma. Pedro, ormai diventato governatore delle isole Chaparinas, riceve il pacco che ha ordinato e che promette di alzarlo di statura.
Venerdì - Pepa affronta Donna Francisca e le dice che sa che ha ucciso Matilde e che prima o poi sposerà Tristan. Pardo minaccia Juan nella sua casa per riavere i soldi. Olmo bacia Soledad e, nonostante l’opposizione di Agueda, continua a vederla. Alfonso e Raimundo provano a incastrare Severiano portando un testimone a Emilia, che le racconti che il ragazzo ha una fidanzata a Munia. In realtà quella fidanzata non esiste perché l’uomo ha visto Severiano baciare la stessa Emilia. Mauricio compare nella vita dei Castro attraverso un passaggio segreto con la complicità di donna Francisca. Pedro monta uno strano congegno, in quanto vorrebbe essere più alto quando sarà nominato Governatore delle isole Chafarinas. I Mirañar decidono di lasciare Puente Viejo.



Fonte:Tvblog

Nessun commento:

Posta un commento